Single Blog Title

This is a single blog caption

Parte l’azionariato popolare della Calcio Riccione

manifesto_calcioriccione“In un mondo ideale, i club calcistici apparterrebbero ai loro tifosi”. Con questa riflessione – del presidente Uefa Michel Platini –, e con questo spirito parte dopo mesi di preparazione e di duro lavoro l’Azionariato Popolare della Calcio Riccione.
Quella che sembrava un utopia, un semplice sogno da bar è finalmente una realtà. Un tipo di iniziativa innovativa per l’intera città, ma che in tutta Europa e anche in Italia sta sempre prendendo più piede e consensi.

Un idea che mette al centro la vera anima del gioco del calcio, ovvero il tifoso, che oltre a dare il suo piccolo contributo economico sarà anche partecipedemocraticamente alle attività del club, in un progetto che restituirà realmente la squadra della “Perla Verde” alla sua comunità.

Sebbene l’obiettivo fondamentale sia creare un esempio di calcio sostenibile, siamo convinti che il nostro modello possa portare anche a buoni risultati e possa offrire un piano, e aspirazioni a lungo termine. Il manifesto del club e la sua strutturazione infatti, e vogliamo essere chiari su questo, e che la società è e resterà sempre un’organizzazione no profit. Abbiamo – con umiltà –  una lezione da illustrare al mondo del calcio: i tifosi possono possedere e gestire con successo una società calcistica. Le squadre sono state ‘sottratte’ ai loro unici, veri proprietari. Noi ci siamo riappropriati di quello che ci era stato tolto, e adesso vogliamo essere da esempio per tutti.La Mia Calcio Riccione Logo

Si può contribuire con una semplice sottoscrizione di base di 100 €, ma siamo comunque aperti ad ogni tipo di donazione volontaria da parte di tutte quelle persone che hanno a cuore veramente la gloriosa storia della Riccione Calcio.
Per ogni tipo informazione comunque sarà possibile contattare il numero 333 3517066, oppure visitare il sito www.calcioriccione.com.

Intanto la squadra è pronta all’esordio di campionato di sabato a Poggio Berni contro la Virtus, e la società si è affidata alle esperte mani del tecnico Giampaolo Pascucci, che vanta esperienze in tornei ben più superiori della Terza Categoria. La rosa, in via di definizione comprende già calciatori che hanno calcato campi di categoria maggiore.

Cosa ne pensi?